Category Archives: myself

I simboli dell’inverno (I)

Le piante che possono essere considerate “natalizie” sono, oltre che essere naturalmente tipiche di questo periodo, piante collegate tra loro e con la stagione sulla base di significati nascosti e ancestrali, profondamente legati alla vita dei nostri antenati, molto più … Continue reading

Posted in analysis, anthropology, arts, divinità, fairy tales, filologia, filologia germanica, folklore, history & the past, history of art, literature, myself, mythos, Nature, north, reflection, society, thinking, traduzione, translation | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Dallo Smörgåsbord all’i-Umlaut, e oltre… [I parte]

Lo Smörgåsbord è un pasto tipicamente scandinavo, servito a buffet, con molti piatti caldi e freddi e cibi diversi. In Norvegia è chiamato koldtbord, in Danimarca det kolde bord (“tavola fredda”), in Islanda hlaðborð, in Finlandia seisova pöytä, in Estonia rootsi laud, a Latvia aukstais … Continue reading

Posted in cucina, Culture, filologia, filologia germanica, literature, myself, north, reflection, society, svedese, Svenska, thinking, traduzione, translation | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

All Hallow’s Eve

Il primo novembre è lo spartiacque tra un anno agricolo e l’altro. Finita la stagione dei frutti la terra, che ha accolto i semi del frumento destinati a rinascere in primavera, entra nel periodo del letargo: “per l’Ognissanti siano i … Continue reading

Posted in anthropology, history & the past, myself | Tagged , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

L’idea di nord

Negli anni sessanta Glenn Gould, musicista e poliedrico intellettuale canadese, coniò la frase The Idea of North per il suo documentario radiofonico sull’importanza del nord nella mentalità canadese. Il suo documentario evidenzia come le estremità settentrionali del Canada siano un … Continue reading

Posted in anthropology, books, literature, myself, mythos, north, poetry | Tagged , , | 1 Comment

Un lettore

Gli altri si vantino per le pagine che hanno scritte; io vado orgoglioso per quelle che ho lette. Non sarò stato un filologo, non avrò investigato le declinazioni, i modi, il laborioso mutare delle lettere, la d che indurisce in … Continue reading

Posted in myself, poetry | Tagged | Leave a comment

Cambridge

Nuova Inghilterra e il mattino. Prendo per Craigie. Penso (l’ho già pensato) che il nome Craigie è scozzese e la parola crag d’origine celta. Penso (l’ho già pensato) che in quest’inverno sono gli antichi inverni di coloro che lasciarono scritto … Continue reading

Posted in myself, poetry | Tagged | Leave a comment

Where the Wild Roses grow – Nick Cave and the Bad Seeds

They call me The Wild Rose But my name was Elisa Day Why they call me it I do not know For my name was Elisa Day From the first day I saw her I knew she was the one … Continue reading

Posted in Music, myself | Tagged , | Leave a comment

Una dichiarazione di poetica

“Una problematica della forma poetica è stata per me sempre connessa a quella più strettamente musicale, e non ho mai in realtà scisso le due discipline, considerando la sillaba non solo come un nesso ortografico ma anche come suono, e … Continue reading

Posted in literature, myself, poetry | Tagged , , , , , , , , | 1 Comment

Sprich auch du

Sprich auch du, sprich als letzter, sag deinen Spruch. Sprich – Doch schneide das Nein nicht vom Ja. Gib deinem Spruch auch den Sinn: gib ihm den Schatten. Gib ihm Schatten genug, gib ihm so viel, als du um dich … Continue reading

Posted in myself, poetry | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Dans les bras d’un enfant – Lio

Dans les bras d’un enfant sous les toits de Ménilmontant je dormais comme une reine je l’ai laissé porter ma peine comme j’étais bien ne le dîtes à personne mais c’est vrai, j’étais bien comme dans les bras d’un homme … Continue reading

Posted in myself | Tagged , | Leave a comment