Supernatural

The Ancient Mariner era stata cominciata come una composizione primariamente scritta a quattro mani, come l’espressione di una crescita di una relazione letteraria insieme e allo stesso tempo derivante da una ricerca ed un'”assistenza” reciproca per un tema ed una voce individuale. Era del resto addirittura alla moda dire che la ballata di Coleridge era semplicemente un reasserimento della filosofia wordsworthiana del “piano sacro” della Natura e delle conseguenze per coloro che l’avevano violata.

Va però ricordato ed evidenziato che prima del periodo di stretto contatto personale, quando i due poeti furono vicini di casa nel Somerset, sia Samuel Taylor Coleridge che William Wordsworth avevano scritto poetic dramas che riguardavano sì il crimine ma in particolare la psicologia del rimorso e del pentimento.

Coleridge, seguendo l’invito di Richard Brinsley Sheridan, stava abbozzando il suo dramma in versi sulla psicologia del peccato criminale. Traeva liberamente l’ispirazione dalla storia del Siciliano in Der Geisterseher di Schiller e da The Monk di Lewis: nacque così Osorio, una storia di crimine, punizione e pentimento [Osorio cerca di uccidere il suo fratello maggiore, Albert; il tentativo fallisce, sebbene Osorio pensa sia riuscito, e la presunta vittima ritorna, travestita, per tentare di insinuare in suo fratello un senso di rimorso, e da qui creare una sua rinascita]: nonostante paralleli nel tema e nella caratterizzazione, Osorio fu scritto da Coleridge mentre Wordsworth stava apportando delle migliorie alle bozze di The Borderers nella primavera del 1797, già avviate nell’inverno precedente. Wordsworth si era già occupato del tema del peccato criminale e del dolore nei suoi componimenti in Salisbury Plain. The Borderers è uno studio didattico di due responsi contrastanti ad atti di stregoneria; la storia però è ambientata in epoca pressoché medioevale, e l’intreccio ricorda le stesure di Walter Scott.

Nonostante, quindi, parallelismi nel tema e nella caratterizzazione, Osorio e The Borderers sembrano essersi sviluppati in modo del tutto indipendente. Fu per caso e non apposta che Coleridge e Wordsworth scelsero di esplorare il tema del crimine e del rimorso, peraltro molto popolare.
In vista dei loro scritti futuri, è interessante notare come il tema del crimine, della vergogna, del “vagabondaggio” e del pentimento saranno motivi centrali di poesie successive, a cominciare da The Ancient Mariner.

Nel 1796 Wordsworth cominciò a scrivere una ballata, The Three Graves, interessante dal punto di vista tematico poiché la trama è centrata sull’incantesimo di una madre (e quindi figura femminile come Geraldine) sulla figlia, che è innamorata dell’amante della madre; trasponendo questo rapporto in Christabel la figura della madre sarebbe appunto Geraldine, quella della figlia Christabel e quella dell’amante sarebbe il padre, Sir Leoline, lasciando così emergere un intreccio di relazioni dal sapore fortemente edipico).

Coleridge, molto interessato alla letteratura degli incantesimi (o, se vogliamo, delle “maledizioni”) – nella primavera del 1797 leggeva e rivedeva romances gotici – fu molto attratto dalla ballata wordsworthiana, che lesse completa nel giugno-luglio 1797.
Cinque mesi dopo, nel novembre dello stesso anno, i temi esplorati in The Borderers, Osorio e The Three Graves portarono a due ulteriori tentativi di collaborazione tra i due, tra cui importante è ricordare The Wanderings of Cain.

Nella parte III e IV di The Three Graves, comunque, che furono scritte da Coleridge nella primavera del 1798, gli elementi sovrannaturali, sebbene ancora velati da una fedeltà wordsworthiana al realismo psicologico, emergono in modo più preminente.
Sebbene gli incontri spettrali siano all’ordine del giorno nelle ballate horror e nei romanzi gotici, il confronto di Caino con il fantasma di Abele va ben al di là del semplice sensazionalismo, poiché l’apparizione funziona come una proiezione simbolica del peccato e della disperazione dell’anima tormentata di Caino. Come in un incubo, Caino il fuggitivo, il vagabondo condannato alla vita per volere e comando divino…

 

This entry was posted in anthropology, books, history & the past, literature, poetry and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s